sabato 26 gennaio 2008

La dama bianca!


Amo profondamente l'inverno, stagione che molti odiano per le giornate brumose e per il freddo che sovente sferza le nostre zone. C'è un motivo particolare in questo incondizionato bisogno di freddo,di gelo: ho da sempre una dipendenza cronica, quasi assimilabile a quella da farmaci o da nicotina, la mia è dipendenza da neve, infatti durante i mesi invernali ho il bisogno di vederla, toccarla, possederla materialmente e spiritualmente. Non c'è nessuna terapia a questo vincolo naturale, d'altronde non ho nessuna intenzione di limitare questo amore per un fenomeno che è simbolo della natura più splendida e delle cose create da nostro Signore. Talvolta riesco a percepirne l'odore e l'irrefrenabile istinto ad incontrarla, non credo ci sia un'evento naturale più splendido della "dama bianca" che alimenta sogni infantili e ci regala alla sua vista emozioni indescrivibili. Per questi numerosi e non sempre, per alcuni, validi motivi le ho dedicato una poesia:

ALLA DAMA BIANCA


Non rammento il giorno in cui mi emozionai,
vedendoti bianca in un candore unico e silente.

Non ho cancellato il tuo soffio e le tue leggere ali,
ho ancora l’ebbrezza di quei giorni e dei tuoi sussurri.

Non riesco a dimenticarti, sono sempre a cercarti invano,
perché penso che la tua visita non sarà mai l’ultima.

Un giorno raccoglierò tutti i ricordi più belli,
come un innamorato fa con le lettere della propria amata.

Tu per mei sarai sempre unica, la mia compagna eterna
Che nelle notti gelide riscaldi l’anima con il tuo ricordo.

Sospirerò un tuo segno dal cielo, nella magia d’inverno
E quando i fiocchi si poseranno stanchi vivrò ancora per tè.

Nessun commento: